Feeds:
Articoli
Commenti

Impresa 4.0A proposito di eventi…uno degli eventi di questa settimana è stato la presentazione presso il Politecnico di Milano del libro “Impresa 4.0“, scritto a (guarda caso) 4 mani da Marco Camisani CalzolariFranco Giacomazzi. Una presentazione degna di tutti i crismi, se si considerano i nomi presenti in cattedra ed in sala: guru del marketing quali Noci e Bertelè, un blogger storico come Quintarelli, banche ed aziende del calibro di UBS e Reed Business.

Assolutamente studiata per coltivare la curiosità della platea la presentazione del libro tenuta dai due autori (libro che vale l’acquisto anche solo per la sistematicità con cui vi sono catalogati strumenti e case history).

Va però detto che a delle “web addicted” che masticano un po’ di marketing come noi un paio di domande sorgono spontanee: quante delle persone in sala si sono annoiate durante gli interventi della tavola rotonda? quanti degli astanti, invece, hanno annuito alla parola web 2.0 senza aver mai scritto un commento in un blog? La nostra impressione è che, purtroppo, la strada da percorrere per avvicinare i “vecchi del marketing” a queste nuove dinamiche sia ancora tortuosa…forse è questa la vera “impresa EROICA 4.0”!?

Annunci

 

…ti addormenti di sera e ti risvegli col sole…

 

Il 24 ottobre uscirà nelle sale cinematografiche italiane “AlbaKiara”, film diretto e scritto da Stefano Salvati, regista di video musicali, spot pubblicitari, programmi musicali per la televisione, film e spettacoli teatrali nonché autore dell’omonimo romanzo edito Mondadori.

L’idea è nata circa tre anni fa quando il regista ha realizzato delle interviste a campione a ragazzi italiani di età compresa tra i 12 e i 20 anni nel tentativo di individuare le nuove tendenze dei giovani. Il risultato? Passioni, desideri ma anche bullismo, droga, alcool, in pieno stile “Vita Spericolata”. 

 

AlbaKiara sarà dunque un film rock? L’appuntamento è fissato per il prossimo weekend: ci vediamo al cinema!

Ebbene sì: ABBIAMO VINTO! Cosa? La gara di imprese creative indetta da Milano In Progress, all’interno della settimana-evento di Innovation Circus. Una maratona di “carte de visite”, ove ogni impresa aveva a disposizione cinque minuti (sanciti da tanto di gong) per raccontarsi nel modo più creativo possibile. E, a giudizio del pubblico, la presentazione più crea(c)tiva è stata la nostra; nonostante gli intoppi sull’audio (ma dicono sia il bello della diretta…).

A fare da cornice alla presentazione le nostre quattro sagome-tangram posizionate in sala e come souvenir dei mega-biglietti da visita contenenti i tasselli del tangram per giocare e ridare forma al nostro logo.

Vi siete persi la presentazione o vorreste rivederla? Tornate a navigare sul blog tra qualche giorno…

Tutta un’altra musica!

Favole, giochi, ninne nanne, consigli: dal 4 ottobre i bambini possono trovare questo e molto altro su la radiolina.it, la prima web radio dedicata ai cuccioli da 0 a 12 anni.

Donne, mamme e professioniste, sono le fondatrici di un progetto innovativo e creativo che mira a soddisfare i bisogni di un pubblico tanto vasto quanto esigente e che soprattutto, colma il vuoto del panorama radiofonico italiano: la presenza di canali radio dedicati esclusivamente ai bambini e ai ragazzi è infatti pressochè nulla sia in Europa che nel resto del mondo.

A mio parere l’idea è ottima, non a caso è stato il soggetto della mia tesi di laurea…

Companybook?

Il nome per ora è solo pura fantasia, ma potrebbe adattarsi bene al nuovo progetto che pare stia per partorire la mente di Dustin Moskovitz, co-fondatore di Facebook che lascerà la società insieme a Justin Rosenstein (già ex Google) nel giro di un mese. Da una nota di quest’ultimo apparsa sul famoso social network, infatti, i due paiono intenzionati a lanciare una nuova iniziativa, destinata al mondo delle imprese. Per ora Rosenstein parla di una suite di produttività unita ad un software open-source di alto livello. Quello che pare ormai assodato è che questo nuovo angolo di web diventerà il lato lavorativo di Facebook, lasciando ad esso il conclamato ruolo sociale che ha assunto. Sempre ammesso che la piattaforma regga…

Certo il passo non è lungo. E a compierlo sono stati, incredibile ma vero, degli italiani. La H-Farm, infatti, un centro per la ricerca e l’innovazione con sede a Roncade (Treviso), ha dato alla luce Zooppa. L’idea è tanto semplice quanto funzionale: alle aziende viene data la possibilità di lanciare online dei contest per il miglior adv virale ed ogni creativo ha la possibilità di parteciparvi, creando video e concepts che possono vincere premi in dollari o “special prizes” (quali ad esempio dei buoni vacanza per ricaricarsi le idee!). Ed i numeri raccolti fino ad ora fanno ben sperare: si parla di più di 23.000 utenti registrati e 330.000 dollari assegnati.

Quale sarà la prossima frontiera? Forse il.. “CreActive-Generated Advertising” 😉

Weni, Widi, Wiki

Con questo titolo si apre su Internazionale l’articolo del giornalista statunitense Wayne Curtis: racconta di una esplorazione turistica a Seattle basata unicamente sulle impressioni dei viaggiatori che hanno lasciato traccia sul web con i propri commenti. La costruzione dell’itinerario, dopo aver lasciato la guida a casa, si compie scrutando tra le migliaia di recensioni su TripAdvisor, spulciando nei forum di discussioni di golosi amanti della buona cucina, osservando le foto nei principali portali..Di click in click si configura un viaggio completamente 2.0. In una mano il passaporto, nell’altra il mouse. Ricordate il turista fai da te degli anni ’80? Nuovi scenari per il viaggiatore moderno.